Successo per il Festival del giornalismo enogastronomico, l’evento dedicato al giornalismo e all’enogastronomia che si è svolto nello scorso weekend a Galati Mamertino (Messina). Dal 30 settembre al 2 ottobre il borgo è stato splendida cornice per incontri e approfondimenti con ospiti d’eccezione, produttori locali, rappresentanti della GDO e anche giornalisti di tutta la Sicilia.

Il Festival del giornalismo enogastronomico

Sono stati tre giorni all’insegna della promozione del territorio dei Nebrodi e della sua ricchezza, con focus tematici, confronti e approfondimenti su singole produzioni locali (dai formaggi al miele, dal pane ai salumi). A organizzare la manifestazione l’associazione Network, in collaborazione con la Fondazione Celestino Drago.

Venerdì 30 settembre a inaugurare il Festival sono stati i saluti del sindaco, Vincenzo Amadore. A seguire, i primi incontri: il dibattito sul nuovo modello commerciale portato avanti dal marchio Coop Gruppo Radenza (con Giuseppe Spadaro, Direttore Gruppo Radenza – Coop, e Giovanni Pagano, Direttore dell’A.S.C.C. – Coop, insieme al giornalista Nino Amadore).

Nella seconda parte della giornata, il dibattito sul futuro del giornalismo, alla presenza di Biagio Semilia (editore di BlogSicilia e CEO di Digitrend), Giacomo Di Girolamo (giornalista Tp24.it, Rmc 101 e socio dell’Associazione Network), Giulio Francese (Consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti) e Alfredo Pecoraro (Presidente Associazione Stampa parlamentare ARS).

La terza parte della giornata si è concentrata sul fare impresa, con Francesco Calanna, Presidente del Gal Nebrodi Plus, Dario Pistorio, Presidente FIPE Confcommercio Sicilia, Giovanni Messina, avvocato palermitano che ha deciso di lasciare la professione e comprare un caseificio, rimettendo a nuovo l’attivita, e l’urbanista Marcel Pidalà. Gran finale con “L’Aperilibro” e una cena a cura della Fondazione Celestino Drago.

Seconda giornata, sabato 1 ottobre

Sabato 1 ottobre la seconda giornata del Festival del giornalismo enogastronomico ha visto protagonisti i produttori del territorio: dall’azienda Emanumiele di Galati Mamertino, al caseificio Bompietro. Gli ospiti, tra una mesterclass e l’altra, hanno potuto assaggiare i salumi “I Macellotti” di Scagliera Intracarni Company, i prodotti dell’azienda Opan e, al termine delle degustazioni, i gin del marchio Piazza Bologni.

Si è parlato di turismo, con il presidente di Aeroviaggi Marcello Mangia, intervistato da Valeria De Rosa. È anche stato presentato dal sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, l’evento “Biancavilla Etna Wine Forum: L’Economia del Vulcano”. Presenti anche le aziende “Tenuta del Vallone Rosso” di Gianluca Funnari e “Podere dell’Etna Segreta”.

Nel pomeriggio si è svolto il focusMi faccio un podcast: forme e tecniche nuove per raccontare il territorio”, con Nino Amadore, Biagio Semilia, Flavio Fazio e Roberto Gueli.

A seguire, l’intervista di Liliana Rosano al maestro pasticciere Nicola Fiasconaro. Insieme al maestro gelataio Pietro Di Noto, a Marcantonio Ruisi e ad Alessandro Lombardi, si è parlato di innovazione. A chiudere lo spazio dei dibattiti, Alessandro Lombardi, comunicatore istituzionale che, dal 2014 al 2019, ha curato la comunicazione del Comune di Palermo. La giornata si è conclusa con “L’Aperilibro”.

La terza giornata, domenica 2 ottobre

La giornata conclusiva del Festival si è aperta con una mattinata dedicata alle visite in azienda. Il Presidio Slow Food Pane dei Nebrodi, con la Fondazione Celestino Drago e la Comunità Slow Food TerraMare Nebrodi, ha proposto una presentazione coordinata da Nadia La Malfa. A seguire, una masterclass sull’olio con Manfredi Barbera.

Nel pomeriggio, focus su “Le chiavi dello sviluppo”, seguito con il dibattito sulle nuove frontiere del marketing dal titolo “Social: marketing o Marchette?”, in compagnia degli ospiti Tony Siino, Alessandro Lombardi, Fabrizio Barreca, Eleonora Fiorentino, Osvaldo Esposito e Nino Giordano.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati