Celestino Drago è uno di quei siciliani che tengono alto il nome dell’isola in tutto il mondo. Inserito da Food&Wine tra i migliori 10 chef degli Stati Uniti ed è amatissimo dalle star di Hollywood. Le sue origini sono a Galati Mamertino (Messina) ed è arrivato negli Stati Uniti nel 1979. Con l’apertura del suo primo ristorante a Beverly Hills, nel 1985, ha rivoluzionato l’approccio alla cucina italiana in America. Oggi è amato dalle star di Hollywood e il suo nome è famoso in tutto il mondo: la sua storia.

Celestino Drago, talento siciliano

Gli esperti definiscono Drago un “caposcuola“. Originario di un paesino sui Nebrodi, in provincia di Messina, ha imparato il mestiere in Toscana. Era arrivato a Pisa per fare il meccanico, ma ha rinunciato a un posto sicuro alla Piaggio per rimanere ai fornelli. In origine, il suo viaggio per Los Angeles doveva essere di andata e ritorno, ma non è stato così.

Era il 1979 e ha iniziato al ristorante Orlando Orsini, conosciuto e frequentato da tante celebrità. Nel 1985 ha aperto il suo primo ristorante, a Beverly Hills, Celestino, ed è in quel momento che è iniziata la rivoluzione dello chef siciliano: «Per gli americani l’italian cuisine era solo quella del Nord e del Centro Italia: tutto ciò che veniva dal Sud non andava bene. Era un retaggio: identificavano la nostra cucina con quella dei primi immigrati siciliani, spesso chef improvvisati che servivano piatti davvero improponibili».

Con il secondo ristorante, Drago, la cucina siciliana è entrata a far parte a pieno titolo del menu: «Ho inserito 6 piatti siciliani, 6specialità e devo dire che è stato un successo. A quel punto sono diventato uno chef siciliano e ciò con tanto orgoglio. Oggi un terzo dei menu dei nostri ristoranti è caratterizzato da specialità siciliane: dalla pasta con le sarde ai piatti a base di melanzane e così via».

Un siciliano alla guida dei migliori ristoranti d’America

Celestino Drago ha quasi trasformato le sale dei suoi ristoranti in aule didattiche, per spiegare qual è la vera anima della cucina italiana: leggera, regionale e distante dagli stereotipi. Dopo 40 anni e 13 ristoranti, la critica lo acclama come uno dei migliori cuochi italiani negli Stati Uniti.

Nel corso degli anni sono arrivati in America anche i suoi fratelli Calogero, Tanino, Giacomino, e la sorella Carolina, coinvolti nella gestione e proprietà dei ristoranti. I locali della famiglia Drago sono frequentati da vip hollywoodiani, politici americani, stelle internazionali del calcio. Beyoncè, Higuain, Ronaldo, Michelle Obama sono solo alcuni dei grandi nomi che hanno apprezzato e apprezzano la cucina di Celestino Drago.

I piatti più apprezzati di Celestino Drago

Insignito dell’onorificenza di Cavaliere del lavoro, si definisce “ambasciatore della cucina italiana“. I suoi piatti più apprezzati sono il pesce spada, gli spaghetti con la bottarga, le linguine alle vongole, le pappardelle con il ragù formaggio e funghi, gli spaghetti ai frutti di mare, il cous cous alla trapanese. Oltre all’attività di ristorazione, quella di catering ed eventi, c’è anche il laboratorio Drago Bakery dedicato all’arte bianca, con una linea di dolci e pasti forniti a compagnie aeree come American Airlines, United.

Drago non smette di progettare, sbarcando in Medio Oriente con una doppia apertura a Dubai. Il suo pensiero, però, è rivolto alle cose semplici: «Mi piace coltivare l’orto, raccogliere il finocchietto nelle colline vicino Hollywood, comprare il pesce fresco. Come la Sicilia, la California gode di un clima mediterraneo e di materie prime di qualità e noi abbiamo sposato pienamente lo stile salutare tipico californiano».

Lo chef siciliano non ha mai dimenticato la sua terra: sua la Celestino Drago Foundation in Sicilia, nel paese che gli ha dato i natali, creata con l’obiettivo di tutelare e promuovere il patrimonio tradizionale siciliano, incluse le ricette popolari.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati