Nel 2015 Giacomo Martinelli morì di tumore. Aveva appena 9 anni. E oggi mamma Annalisa e papà Luca devono fare i conti con i furti sulla tomba di loro figlio. Per ben 18 volte hanno rubato fiori e vasi dal posticino riservato a Giacomo al cimitero di Codroipo, in provincia di Udine, in Friuli Venezia Giulia. "Sono davvero esasperata. Questi furti mi fanno male al cuore e non per il valore economico delle piante, ma per il gesto così vile e irrispettoso nei confronti di Giacomo e delle tante persone che gli hanno voluto bene e che continuano a portargli fiori", dichiara la mamma alla stampa locale.

Davanti alla tomba del piccolo Giacomo ci sono tanti peluche, statuine, angioletti. E tanti fiori, quando i ladri non li rubano. Annalisa ha denunciato questi furti alla polizia locale almeno due volte. E, anche se nell’area esterna del cimitero c’è una telecamera, nessun responsabile è stato individuato. La signora Annalisa è comprensibilmente disperata: "Sembra quasi che ci sia un accanimento nei nostri confronti. Abbiamo subito tre furti in una settimana. Una volta c’era una bellissima pianta e dopo due giorni era già sparita. Non ci hanno lasciato nemmeno il biglietto. Scelgono le piante più belle. Un’altra volta ancora ne avevamo legate insieme alcune per metterle al sicuro e le hanno addirittura sradicate. Così davvero non si può andare avanti, non è giusto. Stiamo pensando di realizzare una tomba di famiglia dove i ladri non riescano a entrare. È davvero una cosa che mi spezza il cuore".

Giacomo non è l’unica vittima di questo assurdo fenomeno. Al cimitero di Codroipo, così come in quelli delle frazioni vicine, sono molti i furti di piante, fiori e vasi verificatisi in questi ultimi tempi. Alcune volte vengono buttati nei cassonetti, in altre occasioni danneggiati e lasciati a terra. Le famiglie sono indignate per la mancanza di rispetto nei confronti delle persone sepolte e dei loro cari. A inizio anno un gruppo di cittadini aveva scritto una lettera pubblica per chiedere ai ladri di smetterla. Tuttavia, gli autori dei furti non sembrano intenzionati ad ascoltare le loro richieste.