TRAPPETO – C'è un pretesto molto futile dietro il drammatico episodio di violenza familiare avvenuto a Trappeto, in provincia di Palermo. Un giovane di 24 anni è stato arrestato dai carabinieri, dopo una furibonda lite con i genitori, con l'accusa di lesioni personali, danneggiamento e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Il ragazzo, all'apice dell'ennesima litigio, avrebbe prima minacciato ripetutamente e poi aggredito il padre, provocandogli contusioni ed escoriazioni. Secondo i dettagli diffusi dai carabinieri, il 24enne avrebbe reagito così dopo che i genitori gli avrebbero negato le sigarette. Il padre è stato trasferito al pronto soccorso dell'Ospedale Civico di Partinico.

La rabbia del ragazzo è anche esplosa contro oggetti e mobili di casa, che sono stati distrutti. E' stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine per calmare il giovane, che si è scagliato anche contro i militari, ai quali ha provocato lievi ferite. Una volta arrestato, è stato trattenuto in camera di sicurezza.