"Quando lo racconto agli altri rimangono spesso inorriditi ma aggiungere la candeggina all'acqua del bagnetto per mia figlia è l'unica cosa per tenere lontane le infezioni e sbarazzarsi dei batteri".  A parlare è una giovane mamma americana, Raven Ford. La donna, che ha 23 anni, ha raccontato la sua pratica di lavare la figlioletta di pochi mesi con la candeggina, a giorni alterni.

La piccola soffre di una rara malattia autoimmune, chiamata ittiosi lamellare: la sua pelle si ispessisce e cambia ogni quindici girni. Dato che la pelle è sensibile, non può essere lavata con un normale sapone, da qui il ricorso alla candeggina: "È una pratica controversa e non tutti sono d'accordo ma mi è stato raccomandato dai dermatologi ed è l'unico modo per uccidere i batteri. Se non lo facciamo, lei può essere vittima di infezioni quando cambia pelle con conseguenze anche gravi"

La bimba quindi viene lavata aggiungendo un paio di cucchiai di candeggina.

La donna e il marito hanno capito subito che qualcosa non andava quando la piccola è nata: ""Sembrava una bambola di plastica, aveva questo accumulo di pelle molto spessa, che sembrava molto tesa e lucida. Non riusciva a chiudere bocca o occhi, quindi i medici non erano sicuri in un primo momento se avesse le palpebre, e le mani e i piedi erano ridotti in maniera tale che non c'erano impronte visibili".