Era convinto che la moglie avesse partecipato a un film porno e obbligava il figlio di 13 anni a guardare i video hard per dimostrarlo. E soprattutto l'uomo, di nazionalità romena, ha massacrato di botte la donna per "punirla". Il 39enne è stato arrestato a Roma dalla polizia con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

In un'occasione, addirittura, la moglie e la figlia minore erano state costrette a fuggire in strada in pigiama e a trovare riparo in un negozio per evitare la furia violenta dell'uomo. Come scrive "Il Messaggero", il 39enne faceva vivere la moglie in un clima di terrore: le controllava continuamente il telefono e le imponeva di evitare amicizie maschili.