Aveva chiesto più volte ai genitori di non pubblicare le proprie foto su Facebook, ma mamma e papà non l'avevano mai presa troppo sul serio. Anzi, a quanto pare la ignoravano. E, non appena compiuti i 18 anni, lei li ha denunciati per violazione del suo diritto alla privacy. Vicenda piuttosto pittoresca accaduta nella regione austriaca della Carinzia. A novembre inizierà il processo, e in ballo c'è una multa tra i 3.000 e i 10.000 euro.

La ragazzina è andata su tutte le furie quando ha scoperto che i suoi genitori avevano condiviso con i loro 700 amici virtuali circa 500 immagini di lei in parecchie fasi intime della sua vita. "Non conoscono vergogna o limiti", ha attaccato la 18enne, spiegando che sono state pubblicate foto di "quando sedevo sul vasino o stavo nuda nel mio lettino. Ogni mio passo è stato registrato fotograficamente e, successivamente, reso pubblico. Ho chiesto loro di cancellare le foto ma si sono rifiutati", ha raccontato arrabbiata la ragazza.

Dal canto suo il padre ha replicato che non vedeva alcun motivo per eliminare le immagini. "Credo che pubblicarle sia un mio diritto. Dopotutto è nostra figlia e, per me e mia moglie, si tratta di un bell’album di famiglia che va condiviso con i nostri amici di Facebook", le sue parole riportate dalla stampa locale.