I Whitaker e l’enigmatico dono dello Zar. Nei primi del ‘900, Palermo è una delle mete preferite dell’aristocrazia del nord Europa, scelta soprattutto per il suo clima temperato. Intere famiglie lasciano le loro dimore nei mesi freddi, per trascorrere piacevoli soggiorni al caldo sole della Sicilia.
E’ il periodo della Belle Epoque, ed in quegli ambienti sociali, lo sfarzo ed il divertimento diventano protagonisti del bel mondo palermitano. Feste, spettacoli teatrali, competizioni sportive, eventi mondani, escursioni, salotti culturali.

I personaggi illustri sono ospiti contesi nelle varie ville aristocratiche palermitane, e gli artisti e gli intellettuali protetti dai loro mecenati, intrattengono piacevolmente gli ospiti con la loro spiccata personalità. Tra i personaggi illustri in visita a Palermo ricordiamo lo Zar Nicola II Romanov con la famiglia, che una volta è stato ospite nella sontuosa Villa Malfitano di Giuseppe Whitaker .

La cordialità dimostrata dalla famiglia Whitaker induce lo Zar Nicola II al suo rientro in patria, ad inviare un dono in segno di ringraziamento: una grande slitta settecentesca!
Lo stupore di Giuseppe Whitaker e di sua moglie nel ricevere l’enigmatico dono, è ancora oggi ricordato dalla memoria dei loro eredi. Dove mai avrebbero potuto utilizzarla?

Nell’attesa di individuare un luogo idoneo per il regale ed ingombrante dono, poggiato al centro di un salone del primo piano della Villa Malfitano Whitaker, ad oggi giace ancora lì.
La slitta dello Zar è infine diventata parte integrante dell’arredamento della villa, oggi Fondazione Whitaker  http://www.fondazionewhitaker.it/, ed è possibile vederla in tutta la sua singolarità nel tour guidato.