Sono stati identificati gli attentatori di Bruxelles, che ieri si sono fatti esplodere all'aeroporto Zaventem. Si tratterebbe dei fratelli Khalid e Ibrahim al Bakraoui, considerati complici di Salah Abdeslam, il super ricercato arrestato venerdì tra i responsabili delle stragi di Parigi.

Identificato anche l'uomo con il cappello nero e la giacca chiara in fuga da ieri: sarebbe Najim Laachraoui, considerato l'artificiere di Parigi. Contro il 24enne la Procura belga ha già spiccato un mandato d'arresto nei giorni scorsi, quando tracce del suo dna sono state trovate sia in due covi, sia soprattutto su almeno due cinture esplosive, una utilizzata al Bataclan, l'altra allo Stade de France. Laachraoui è considerato molto vicino a Salah.

La notizia dell'identificazione dei tre è giunta a breve distanza da quella del ritrovamento di un computer definito "interessante" dagli inquirenti. La polizia locale ha consegnato il pc all'unità anti-terrorismo della polizia giudiziaria federale di Bruxelles. Il contenuto del pc in questione non è noto, ma secondo quanto si è appreso potrebbe contenere importanti informazioni relative all'organizzazione dello Stato islamico, che tra l'altro ha già minacciato nuove stragi.