CATANIA – Tragedia nel catanese: Gianluca Sciannaca, appuntato dei carabinieri di 41 anni, è morto durante un sopralluogo in una casa a Ramacca, dove era stata segnalata la presenza di due individui sospetti. Una pattuglia, composta dal maresciallo Luigi Antonino e da altri due militari, Sciannaca e Calogero Di Dio, è intervenuta sul posto e ha effettuato una ispezione della casa, posta su quattro livelli. 

L'appuntato Sciannaca ha notato una botola che conduceva al sottotetto del palazzo, attraverso una scaletta pieghevole, ed ha poggiato i piedi su un lucernaio in vetro, provocandone il cedimento e cadendo nella tromba delle scale, alta circa 12 metri.

Il militare è stato trasportato all'ospedale di Caltagirone, ma è morto durante il trasporto. Gianluca Sciannaca era originario di Militello Val di Catania. Come si legge in una nota, è "ricordato da colleghi e amici tutti per il particolare attaccamento all'Istituzione ed il non comune senso del dovere, nonché per la sua spontaneità, semplicità e solarità".

I funerali si svolgeranno oggi, nella chiesa di San Benedetto di Militello Val di Catania.