di Nando Cimino

 
Il tempo si sa è sempre stato un po' capriccioso; ma forse, da qualche anno a questa parte sta esagerando. Questo si ripercuote spesso anche sul nostro vivere quotidiano e mi pare che anche gli addetti alle previsioni meteo non sappiano più che pesci pigliare, giocando a chi la spara più grossa o comunque cambiando opinioni da un giorno all'altro. Ecco quindi che magari “converrebbe”, come si faceva anticamente, affidarsi ai proverbi; proverbi con i quali ovviamente i nostri antenati non intendevano affatto predire il tempo ma tentavano, semplicemente osservando la natura, di coglierne eventuali possibili cambiamenti. Eccovene quindi alcuni che spero leggerete con interesse.
 
Si si metti di tramuntana, sicuru chiòvi pi ‘na simana
 
Celu picurinu, si non chiovi oggi chiovi a’ matinu
 
Si fa cauru di Ijnnaru pripariti pi Marzu lu scapularu
 
Mari chiaru e munti scuru…..porta acqua di sicuru
 
A Marzu ci vonnu ddù paracqua…unu pu suli e unu pi l'acqua
 
Diu ni scanzassi da cura di Marzu e da testa di Aprili
 
Si senti trona d'Aprili l'acqua arriva chi varrili
 
Di Giugnu nun ti fidari ca c'è sempri quarchi temporali
 
Si a Luglio c'è troppa calura a dicembri aspettiti gran friddura