Nuova, singolare scoperta archeologica nell'antica colonia greca di Himera, nel Palermitano. Qui, grazie alla campagna di scavi realizzata dall'università di Berna, grazie alla convenzione con il polo regionale di Palermo per i parchi e i musei archeologici, è stata rinvenuta un'antica focacceria, risalente al periodo compreso tra la fine del sesto secolo avanti Cristo e l'inizio del quinto.

È stato portato alla luce un vano adibito a dispensa per derrate alimentari (vino, frumento, acqua e olio), con molti fornelli, marmitte e pentole che potevano essere utilizzate per la preparazione di pizze e focacce.

Nello stesso spazio vi sono tre altari, dove si svolgevano i riti legati a funzioni religiose e alla preparazione e conservazione del cibo. I cibi venivano cotti nei "forni a campana" e su alcune piastre. Il fatto che vi fossero contenitori d'acqua e la vicinanza di una probabile falda acquifera, inoltre, simboleggava non solo "una fonte di vita, ma soprattutto un elemento purificatorio obbligatorio per l'entrata nel santuario", spiegano gli studiosi.