Agghiacciante vicenda negli Stati Uniti: in California, non lontano da Los Angeles, una coppia teneva segregati in casa i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme è stata una delle figlie, di 17 anni, che è riuscita a fuggire e raccontare la verità alla polizia.

Marito e moglie sono stati arrestati: sette dei figli hanno un'età compresa tra i 29 e i 18 anni, mentre gli altri sono minorenni (tra questi c'è un bimbo di due anni). La coppia adesso rischia grosso: le accuse sono di sequestro di persona e di minori, oltre che di maltrattamento e tortura. Le vittime sono state ricoverate e versano in condizioni di sofferenza e disagio, perché hanno patito fame e sete e mancanza di libertà e movimento.