Sono ancora molti i dubbi sulla morte di Angelo Maiorana: il 20enne è deceduto nel marzo del 2014 nel cantiere in cui stava lavorando, a Montelepre (Palermo). Il gup Marco Gaeta ha disposto di ascoltare il medico legale per chiarire le cause del decesso: fu infarto fulminante (come si era stabilito in un primo momento) o incidente sul lavoro e morte per folgorazione?

La tesi dell'infarto non ha mai convinto i familiari, così dopo qualche mese la salma era stata riesumata per verificare la possibilità che fosse morto folgorato. Dall'autopsia sarebbero emersi alcuni segni a un polpastrello e al malleolo, ma non la certezza che la morte possa essere stata provocata da una folgorazione. I titolari della ditta per la quale lavorava Maiorana, Franca Biundo e Francesco Caruso, sono finiti a processo: hanno sempre respinto le accuse.