La storia che vi raccontiamo è una storia a lieto fine. E' la storia di Claudia, investita da una smart lo scorso 11 dicembre nei pressi della Cala, a Palermo. Lei, giovane 29enne, solare e brillante, era uscita per festeggiare il compleanno dell'amica. Si trovava alla Cala con altre due amiche, quando la Smart le è piombata addosso. 

Le sue condizioni sono apparse sin da subito gravissime e, così, è sceso il buio nella vita di Claudia, come in quella della famiglia e dei suoi amici. 

Claudia Buccafusca di Ficarazzi si addormenta in un coma profondo. Viene così ricoverata con urgenza presso l'Ospedale Civico di Palermo e per giorni interminabili, Claudia ha dormito.

Poi cominciano i primi segnali visti dalla madre: forse ha mosso le dita – ha raccontato ai giornali – non sono in grado di stabilire se è vero oppure no, se è la speranza o se le sue movenze sono – come dicono i medici – degli spasmi muscolari possibili, nella condizione di coma di Claudia.

Claudia per i medici era legata alla vita con un filo sottilissimo. Spesse volte questo filo diventava quasi invisibile ma nei giorni scorsi il miracolo. Chiara si è svegliata

Chiara si sveglia dal coma ed ha chiesto un gelato. Chiede della mamma e di papà e poi chiede cosa sia successo, chi è stato coinvolto nell'incidente, se ci sono morti.

I medici ancora oggi non si spiegano l'immediato miglioramento della giovane ragazza di Ficarazzi, ma in reparto è subito festa.