8329_0_gr1Si parla diipotensione (pressione bassa)quando i valori pressori sanguigni risultano inferiori a quelli ritenuti normali. Facendo riferimento ad un soggetto adulto, si parla di pressione bassa quando i valori pressori a riposo scendono al di sotto dei 90/60 mm Hg.

CAUSE: Il disturbo può colpire qualsiasi persona, indipendentemente dalla sua età, anche se certe fasce e determinate categorie sono più a rischio: es. l’ipotensione è più frequente nelle donne e in chi pratica sport a intensità medio-alta (es. corsa); in gravidanza, tra gli anziani, nei soggetti che assumono determinati farmaci (es. diuretici utilizzati in caso di ipertensione, beta-bloccanti, farmaci antidepressivi triciclici, nitrati, ACE-inibitori, antagonisti del recettore per l’angiotensina II). L’ipotensione, inoltre, è diffusa in coloro che soffrono dimalattie a carico dei sistemi nervoso centrale (es. morbo di Parkinson) ecardiovascolare (infarto). Problemi a carico delle valvole cardiache, brachicardia ed insufficienza cardiaca), in coloro che hanno il ferro basso o predisposti, nelle donne che soffrono di mestruazioni abbondanti e tra chi è a dieta drastica o digiuna. Più rari sono i casi di ipotensione provocati da problemi tiroidei, allergie, infezioni e anemie.

Relax in grass - tired woman after sportSINTOMI: Tra i sintomi più diffusi: nausea(determinata dal minore flusso di sangue nei vasi sanguigni che comporta, a sua volta, un minore afflusso di sangue e ossigeno al cervello),vertigini e sensazione di stordimento che si manifestano in seguito a cambiamenti posturali (es. quando si passa da una posizione sdraiata ad una eretta), svenimenti (dovuti ad un afflusso insufficiente di sangue e di ossigeno al cervello),malattie cardiache. Tra gli effetti sul cervello: sensazioni di confusione, danni al sistema nervoso o ad altri organi controllati direttamente dal sistema nervoso. Un minore afflusso di sangue può compromettere la funzionalità del rene, causando un aumento di tossicità del sangue.

DIAGNOSI: Il primo passo per la diagnosi di ipotensione consiste nella misurazione della pressione sanguigna sia stando sdraiati che in piedi. La causa può essere identificata con: CBC (emocromo completo), misurazioni degli elettroliti del sangue, misurazione dei livelli di cortisolo, esami del sangue e delle urine, radiografia del torace, ecografie addominali e tomografia computerizzata, elettrocardiogrammi, registrazione di un evento attivato dal paziente, ecocardiogrammi, esami ad ultrasuoni delle vene delle gambe e Tac del torace, Tilt test.

IPO 2RIMEDI NATURALI E TRATTAMENTO FARMACOLOGICO: Quando la pressione bassa non è associata a segnali o sintomi particolari, generalmente non richiede cure o trattamenti specifici anche se, soprattutto in estate , può essere d’aiuto aumentare l’apporto idrico e salino nella dieta. Si può poi prendere composti naturali a base di piante adattogene, come il ginseng, che stimolano il sistema immunitario, nervoso ed endocrino, aiutando il corpo ad adattarsi ai vari cambiamenti cui è sottoposto, assumere alga spirulina, che combatte i deficit dovuti ad un’alimentazione povera e veloce tipica della frenetica vita contemporanea; thè roibos, un efficace antiossidante che apporta magnesio, manganese, potassio, sodio, calcio e ferro; succo di melograno, un ottimo supporto per il sistema cardiovascolare; così come polline e pappa reale, che combattono l’ipotensione e tutti gli stati di affaticamento e deperimento del fisico umano. Anche una tazza di caffè, thè o cacao, costituisce un rimedio immediato per ripristinare i valori corretti di pressione arteriosa.  Un grande classico contro l’ipotensione è la liquirizia: basta succhiare al mattino una semplice caramella di liquirizia pura per avere un tono di pressione migliore.

IPO 4Si deve trattare di tavolette amare, non gommose e non zuccherate oppure del classico legnetto di liquirizia da masticare al bisogno. Ottimo anche il Ribes nigrum,  in quanto  questo macerato glicerico è adatto a tutti, non contenendo estratti alcolici e  trattandosi di un semplice  frutto di bosco. La dose corretta è quella di 50 gocce assunte al mattino, in mezzo bicchiere d’acqua, 20 minuti prima della colazione. Efficace pure il cardo mariano, una pianta versatile coltivata da sempre nei monasteri dei frati, che consente di recuperare velocemente i valori pressori. In questo caso, la tintura madre va utilizzata nella dose di 30-35 gocce prima dei 3 pasti principali. Se l’ipotensione è patologica, è necessario talvolta assumere farmaci per incrementare i valori pressori arteriosi: l’eritropoietina favorisce l’incremento degli eritrociti nel sangue (l’aumento dei globuli rossi aumenta la pressione ed è indicato per la cura dell’anemia, spesso correlata all’ipotensione), la somministrazione disteroidi è indicata per prevenire la perdita di Sali minerali dal corpo, aumentando la pressione sanguigna, i vasopressori aumentano i valori della pressione arteriosa, incrementando il flusso sanguigno al  cervello e contribuendo a ridurre i sintomi dell’ipotensione. Dato che la pressione bassa può creare nicturia, la somministrazione dell’ormone antidiuretico può diminuire la necessità di urinare durante il riposo notturno.

Caterina Lenti

MeteoWeb