"Che santo è?": una domanda di certo inaspettata, se posta indicando una foto incorniciata di Giorgio Chinaglia. La domanda l'ha fatta Ivanka Trump prima di congedarsi dal ristorante romano 'Le cave di Sant'Ignazio', meglio conosciuto come Sabatino, interrogando la titolare Luigina Pantalone. A tradire Ivanka forse la posa di Long John, le braccia aperte e lo sguardo rivolto al cielo, e la vicinanza con un ritratto di Padre Pio. "Le abbiamo spiegato che non si trattava di un santo ma di un grande campione della Lazio", dice Luigina Pantalone.

Come si legge sull'Huffington Post, Luigina Pantalone, titolare insieme a tre fratelli, ha detto: "Per noi è un onore servire questi personaggi nel nostro locale, cerchiamo sempre di lavorare al meglio per il meglio. La cena è iniziata con un aperitivo e antipasto 'light' a base di prosciutto e mozzarella di bufala, insalata caprese e diversi assaggi. Poi hanno ordinato tonnarelli cacio e pepe, gnocchi fatti in casa e ravioli ricotta e spinaci; una grigliata mista di scampi e mazzancolle per secondo e sorbetto al limone con i nostri biscottini di ricotta e cioccolato seguiti da digestivi e caffè".

Ivanka e il marito Jared hanno bevuto un Barolo riserva magnum dei marchesi di Barolo e un Pinot Grigio di Eugenio Collavini. "Aveva un vestito di seta grigio semplice ma elegantissimo", aggiunge Luigina Pantalone, sottolineando la gentilezza di Ivanka durante le foto di rito con i titolari e i camerieri.