DALLA LEGGE ALLA CORSIA:
LA RESPONSABILITÀ NELLE PROFESSIONI SANITARIE

Due giornate di approfondimento a Catania (29 maggio) e a Palermo con crediti formativi (il 30 maggio)

 

CATANIA La Legge n° 24 (Gazzetta Ufficiale pubblicata in data 8 marzo 2017), rappresenta una novità di notevole rilievo per il sistema sanitario. Una Legge attesa da tempo, nata dall’esigenza di dare risposta all’enorme mole del contenzioso medico-legale che ha causato notevoli incrementi nel costo delle polizze assicurative per professionisti e aziende sanitarie, ma soprattutto al ricorso alla cosiddetta medicina difensiva che ha prodotto un uso inappropriato delle risorse destinate alla sanità pubblica con una spesa stimabile in diversi miliardi di euro.  Una Legge che può creare un rapporto medico-paziente più equilibrato, garantendo a quest’ultimo maggiore trasparenza e possibilità di essere risarciti in tempi certi per gli eventuali danni subiti.

 

Con l’obiettivo di puntare l’attenzione sulle responsabilità civili e penali delle professioni sanitarie, delle strutture ospedaliere, sui temi della sicurezza delle cure e del rischio clinico alla luce della nuova legge sulla responsabilità professionale “Gelli-Bianco”, l’Anaao Assomed Sicilia ha organizzato due giornate di formazione per le professioni mediche dal titolo “Dalla legge alla corsia – La responsabilità nelle professioni sanitarie”, a Catania il 29 maggio e a Palermo il 30.             
 

A Catania, il 29 maggio, il CONVEGNO inizia alle 12.00 (aula Mazzeo – presidio ospedaliero Vittorio Emanuele, via Plebiscito 628) con il saluto di Rosario Grosso responsabile organizzativo Anaao Assomed Sicilia alle autorità presenti; alle 12.15 Giorgio Cavallero, vice segr. nazionale Anaao Assomed affronterà l’argomento dell’applicazione della legge Gelli nel suo intervento “La lunga gestazione della Legge Gelli – Il ruolo del sindacato come bench marker”; seguirà Maria Licata, avvocato penalista del Foro di Catania che spiegherà come “Cambia la responsabilità professionale dei medici e delle professioni sanitarie”.

Dopo la pausa (13.30/14.15), il medico legale Cataldo Raffino affronterà nel dettaglio come va vista “La nuova normativa: opportunità o minaccia. Gli errori da evitare”; Rino Iannello, resp. Morganti Broker, esporrà su “Obbligo di assicurazione ed estensione delle garanzie assicurative”.

L’ultimo argomento prima della chiusura (prevista per le 17.30) è affidato al segr. reg.le Anaao Assomed Sicilia Pietro Pata che parlerà della “Tutela delle professioni: un sindacato al fianco dei dirigenti” a cui seguirà il dibattito.

 

A Palermo, martedì 30 maggio, il CORSO DI FORMAZIONE organizzato dall’Anaao Assomed Sicilia in collaborazione con la Fondazione Pietro Paci, inizierà alle 14.30 (Aula Mulimediale dell’Arnas Civico, piazza A. Leotta, 4) con la registrazione dei partecipanti, per seguire poi:

  
– “La lunga gestazione della Legge Gelli – Il ruolo del sindacato come bench marker” – Giorgio
     Cavallero, vice segr. nazionale Anaao Assomed;

  • “Come cambia la responsabilità professionale dei medici e delle professioni sanitarie” – Paolo Criscuoli
    magistrato del Tribunale di Palermo;
  • “La nuova normativa: opportunità o minaccia. Gli errori da evitare” – Manfredi Rubino, medico legale;
  • “Obbligo di assicurazione ed estensione delle garanzie assicurative” – Rino Iannello, responsabile Medical Insurance Broker;

Seguirà il dibattito finale che aprirà all’intervento di Pietro Pata “Tutela delle professioni: un sindacato al fianco dei dirigenti” che in questa sessione palermitana chiuderà a tutti gli effetti la giornata formativa, prevista per le ore 19.00/19.30.

La partecipazione è gratuita ma: per il convegno di Catania (per avere l’attestato) è necessaria la registrazione chiamando la segreteria regionale Anaao Assomed allo 095 441085 o inviando una mail a segr.sicilia@anaao.it; per il corso di formazione di Palermo l’iscrizione – obbligatoria per i crediti – deve essere fatta tramite il sito www.fondazionepietropaci.com