La vita di Totò Cuffaro, che si è appena laureato in Giurisprudenza a Roma col massimo dei voti, diventa un film. Si tratterà di un lungo documentario che attualmente è in fase di definizione. Le riprese sono satte effettuate negli anni scorsi seguendo le attività di Cuffaro anche nei mesi che ha trascorso in Burundi dopo la scarcerazione per fine pena (favoreggiamento alla mafia). Il docufilm dal titolo "1768 giorni" è stato realizzato dal regista Marco Gallo e uscirà quest'anno.

cuffaro film locandina

Il regista siciliano Marco Gallo ha seguito Cuffaro con la cinepresa dalla sua uscita dal carcere fino alla laurea, accompagnando e filmando i suoi giorni in Burundi. Il film racconterà gran parte della sua vita, prima e dopo il carcere, della sua esperienza in Africa, della scomparsa del padre e dei permessi negati dallo stato, del rapporto con la sua famiglia e di questi 1768 giorni passati sognando di tornare in Sicilia.