Una bimba di dieci mesi è stata lasciata morire dai genitori per motivi religiosi. La piccola era malnutrita e disidratata: la coppia, dalla rigida fede cristiana, aveva rifiutato le cure mediche per la piccola.

Padre e madre hanno entrambi 27 anni: si tratta di Seth Welch e Tatiana Fusari, del Michigan, che adesso sono stati condannati dal giudice. "Dio è sovrano su ogni malattia" ha affermato Seth, motivando la scelta di non vaccinare la figlioletta e non prestarle le cure necessarie.

Gli agenti di polizia hanno trovato la bambina con le guance incavate e l'autopsia ha stabilito, tra le cause della morte, anche malnutrizione e disidratazione. I genitori hanno ammesso di avere notato che fosse magra e sottopeso, ma non nutrivano fiducia nei medici. Secondo loro, doveva essere Dio a decidere se una persona dovesse ammalarsi o meno, quindi ci si doveva rimettere alla sua volontà.

Seth, su Facebook, si era già espresso a proposito dei vaccini: aveva denunciato un episodio in cui qualcuno aveva chiamato le forze dell'ordine perché rifiutava di vaccinare la figlia più grande. "Non è intelligente voler salvare quelle persone che sono le meno forti. Se l'evoluzione si basa sulla sopravvivenza del più forte, perché ci vacciniamo? Non dovremmo semplicemente lasciare morire il più debole e lasciare sopravvivere il più forte?". I due hanno altri due figli.