Avete mai sentito parlare delle Muchate Arabe che si trovano in Sicilia? Si tratta di cave sotterranee, presenti nel sottosuolo di Palermo. Scavate nel periodo della dominazione araba sono state in attività fino agli anni Trenta del secolo scorso, per l’estrazione del tufo.

Nella seconda metà dello stesso, visto l’elevato grado di umidità, sono state utilizzate in parte come fungaia.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Palermo, il meglio del capoluogo.

Il sito si trova nella zona della Fiera del Mediterraneo, in via Castellana Bandiera. Il nome Muchate, di origine araba, deriva dal verbo siciliano “ammucciare“, cioè nascondere: siamo di fronte a alcune delle cave calcarenitiche sotterranee più estese della città.

All’interno della cava sono stati ritrovati diversi materiali ceramici del periodo arabo. Qui si può ancora avvertire lo spirito dell’epoca in cui erano attive, scoprendo la storia dei carusi che le scavarono. Ancora oggi si può vedere il frutto di quella fatica.

Proprio con quel materiale lapideo che è stato estratto, sono stati costruiti monumenti e case storiche di Palermo. La cava si sviluppa su tre livelli e qui si trova la Calcarenite pleistocenica, che caratterizza il sottosuolo della Piana di Palermo.