La Fontana Pretoria è uno dei gioielli di Palermo. Arrivando nell’omonima piazza, si rimane affascinati dalla sua maestosità: le statue, bianche e silenti, osservano i visitatori e la città, proprio di fronte il Palazzo delle Aquile.

Tutti noi siamo abituati a vedere il suo esterno, ma sapete cosa si cela sotto la Fontana Pretoria? A rispondere è Historia Palermo, con un video che svela “cosa c’è sotto la gonna di questa vecchia regina pluricentenaria…”.

La fontana Pretoria fu realizzata nel 1554 da Francesco Camilliani a Firenze, ma nel 1581 venne trasferita in piazza Pretoria a Palermo. Originariamente fu realizzata per il giardino di don Luigi Álvarez de Toledo y Osorio a Firenze.

Spinto dai debiti ed in procinto di spostarsi a Napoli, don Luigi, grazie al fratello don García Álvarez, riuscì nel 1573 a vendere la fontana alla città di Palermo. Don Garçia, che era stato viceré di Sicilia, era in buoni rapporti con il Senato palermitano, che decise di acquistare la fontana e di collocarla nella piazza su cui prospetta il Palazzo Pretorio.

La fontana giunse a Palermo il 26 maggio 1574 smontata in 644 pezzi dei quali 112 imballati in 69 casse. Per far posto alla monumentale realizzazione, concepita per un luogo aperto, furono demolite diverse abitazioni. La fontana tuttavia non arrivò completa e alcune sculture si erano rovinate durante il trasporto, mentre altre forse furono trattenute dal proprietario.