giufaAbbiamo già parlato del personaggio Giufà ed ho visto che avete apprezzato molto la storia dei ceci che mi aveva raccontato Caterina.

Ma Giufà c’è o ci fa?

Si racconta che Giufà una volta andò in una masseria per mangiare qualcosa.

I proprietari del posto appena lo videro sporco e con abiti consunti lo cacciarono via. 

Giufà raccontò tutto alla madre la quale gli preparò una bella camicia, un paio di calzoni e un gilet di velluto. 

Giufà, vestito di tutto punto, ritornò nella stessa masseria e non immaginate che grandi cerimonie! 

Lo invitarono a tavola e tutti continuavano a fargli i complimenti. 

Quando gli servirono le pietanze iniziò a mangiare. 

Con una mano si riempiva la pancia, con l’altra mano, ciò che avanzava, se lo riponeva nelle tasche, nel berretto, sotto la camicia. 

Ad ogni cosa che conservava, diceva: 

“Mangiate, vestitini miei, che voialtri siete stati invitati non io”.

Di Alessandra Cancarè