isolaOgni volta che sento parlare dell’isola Ferdinandea mi viene da ridere. Uno scherzo della natura ben riuscito. 

Tutti a darsi un gran daffare per capire di cosa si trattasse e a chi appartenesse. Tutti impegnati a dare il nome e a contendersi l’isolotto per poi rimanere con un pugno di mosche.

Fra Pantelleria e Sciacca nel 1831 spuntò un’isola vulcanica.

I fenomeni eruttivi cominciarono verso la metà di luglio e nel mese di agosto l’isola era ormai abbastanza alta e grande da poter creare interesse.

I primi a mostrare un interesse particolare nei confronti dell’isolotto furono gli inglesi, in quanto si trovava sulla rotta per Malta. La chiamarono isola di Hotham.

Ma neanche gli italiani si mostrarono indifferenti…

Il 17 agosto 1831 Ferdinando II di Borbone, re delle Due Sicilie, con atto sovrano includeva l'isola nel proprio regno e le dava il nome di Ferdinandea.

A settembre, invece, i francesi issarono la loro bandiera sull’isola, chiamandola Giulia poiché apparsa nel mese di luglio. 

Non furono gli unici nomi che le vennero appioppati all’isolotto. Ricordiamo anche Sciacca, Nertita e Corrao.

Ma, mentre le varie nazioni cercavano di contendersi l’isola, questa pian pianino si riduceva sempre più.

Il 17 dicembre del 1831 due ufficiali dell'Ufficio topografico di Napoli, andati sull’isola a verificare la situazione, non trovarono nulla, in quanto tutta l'isola era stata coperta dal mare.

Ahahahha 

Almeno per sei mesi l’isola ha avuto il suo momento di gloria ed è riuscita ad entrare nella leggenda!

Di Alessandra Cancarè