1382328_10200831710851621_68050627_nNe avevamo parlato tempo fa dei benefici dell’olio d’oliva, nettare della nostra terra. Fondamentale per il nostro cuore e per la prevenzione dell’alzheimer.  Ed oggi arriva una nuova notizia che lo promuove a pieni  alimento imprescindibile per la salute. 
"L'olio extravergine d'oliva di qualità è il grasso più simile al latte materno, in termini di Omega 6 e Omega 3, composti di alto interesse salutistico contenuti nel prodotto principe della Dieta Mediterranea, ma solo se viene fatto un corretto lavoro in frantoio". 
A dirlo, è il ricercatore del Cnr-Igv (Consiglio nazionale ricerche-Istituto Genetica Vegetale) Saverio Pandolfi, che ha sottolineato come l'olio risulti gradito non solo a ogni bambino proprio perché ricorda il latte materno, ma anche a un eschimese o a un africano che non hanno mai avuto l'olio nel regime alimentare.
L'assunzione quotidiana di olio extravergine di qualità, ha detto Pandolfi, "è particolarmente salutare per il contenuto di oleuropeina, una componente dell'olio di oliva che rende più elastiche le arterie, abbassa la pressione e riduce il processo aterosclerotico". L'oleuropeina concorre a formare il sapore amaro delle olive, mentre l'oloeocantale è la sostanza responsabile del sapore piccante dell'olio quando è buono. Altro alleato della salute, ha aggiunto Pandolfi, è proprio l'oleocantale che ha valenza antinfiammatoria in quanto riproduce gli effetti dell'Ibuprofene. Insomma, un cucchiaio di olio di qualità ad ogni pasto dà gusto e salute" ha concluso.
Tornando a far merenda con la vecchia e amata fetta di pane con l’olio, si darebbe ai bambini un apporto nutriente di energia benefica. Altro che merendine!

Luce Bianca