Il messicano Roberto Esquivel Cabrera è l'uomo con il pene più lungo del mondo. Nel 2015 era balzato agli onori delle cronache per il suo membro di 48 centimetri. I medici – ricordano i tabloid britannici – gli consigliarno di sottoporsi a un intervento di riduzione per consentigli di avere una vita sessuale normale ed evitare infezioni al tratto urinario. Ma lui aveva rifiutato per essere riconosciuto come l'uomo con il pene più lungo del mondo, appunto. Sognando, tra l'altro, di diventare un pornodivo.

Il "Daily Mail" adesso scrive che l'uomo sta ricevendo sussidi governativi, a mo' di pensione. "Se volessi lavorare, non potrei mai riuscirci. Non posso neanche indossare un'uniforme di qualche azienda. Non riesco neanche a mettermi in ginocchio. Non posso muovermi velocemente e quindi le compagnie pensano male di me. Dicono che mi chiameranno, ma non lo hanno mai fatto", raccontava Cabrera. Svelò che in passato gli era stato offerto lavoro nel settore dell'intrattenimento sia da Youporn che dalla serie hot "FakeTaxi". Lui stesso ammise che "le scene sarebbero apparse più comiche che erotiche". 

I medici, intanto, spiegano che la maggior parte del suo organo sessuale è composta dal prepuzio, e che il pene in realtà si estende per 16/17 cm. Di conseguenza il "Guinness Book of Records" rifiuta di riconoscere il suo "successo", per cui il record attuale è ancora detenuto dall'americano Jonah Falcon, il cui pene a riposo misurerebbe 24 cm, arrivando in erezione a 33. Cabrera attualmente si dice felice della sua vita, per quanto non abbia ancora incontrato la donna giusta. L’uomo ha spiegato di aver provato a fare sesso due volte nella sua vita, ma la prima donna si è tirata indietro non appena ha visto le dimensioni del suo pene, mentre l'altra è stata costretta a fermarsi perché era troppo doloroso.