MESSINA – Un pugno in pieno volto a un uomo perché il fumo del sigaro che la vittima stava fumando gli dava fastidio. Protagonista della vicenda un messinese di 37 anni, che è stato arrestato con l'accusa di lesioni personali.

L'aggressione è scattata dopo un diverbio all'interno di una tabaccheria. La causa scatenante della lite, come detto, sarebbe stato il sigaro che la vittima teneva in bocca. Poco dopo, in strada, dalle parole l'uomo è passato ai fatti: ha colpito in pieno volto l'interlocutore, lasciandolo tramortito e sanguinante a terra.

La vittima ha riportato lesioni giudicate guaribili in 25 giorni per le quali è stato necessario il ricovero ospedaliero: in particolare, ha rimediato una frattura scomposta delle ossa del naso, un trauma cranico e uno all'occhio sinistro con emorragia retinica ed ematoma periorbitario. Per l'aggressore sono stati disposti gli arresti domiciliari.