Due ristoranti siciliani nell’Olimpo della ristorazione. Il verdetto arriva dal Gambero Rosso, che ha presentato la sua Guida Ristoranti d’Italia 2019.

Al vertice della classifica, con 96 punti, c’è l’abruzzese Niko Romito. A seguire, troviamo Massimo Alajmo de Le Calandre di Rubno (Padova), Massimo Bottura dell’Osteria Francescana di Modena e Heinz Beck de La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri.

Hanno ottenuto 94 punti:

  • Don Alfonso 1890 a Sant’Agata sui Due Golfi (Napoli)
  • Piazza Duomo ad Alba
  • Torre del Saracino a Vico Equense (Napoli)
  • Uliassi a Senigallia (Ancona)
  • Villa Crespi a Orta San Giulio (Novara)

Punteggio di 93 punti per Enoteca Pinchiorri a Firenze. 92 punti per Cracco a Milano, Laite a Sappada, Lorenzo a Forte dei Marmi, Madonnina del Pescatore a Senigallia, Dal Pescatore a Canneto sull’Oglio, Seta del Mandarin Oriental Milano, La Siriola a San Cassiano, St. Hubertus ancora a San Cassiano meta gourmet altoatesina, La Trota a Rivodutri (Rieti), da Vittorio a Brusaporto.

La Madia di Licata

Migliori Ristoranti Siciliani: La Madia di Licata

I migliori ristoranti siciliani

A 91 punti ci sono i due primi ristoranti siciliani: il Duomo di Ciccio Sultano, a Ragusa, e La Madia di Pino Cuttaia, a Licata. Così, ben 38 Tre Forchette compongono la squadra dei migliori ristoranti d’Italia.

Ristorante Duomo

Migliori Ristoranti Siciliani: Duomo

La guida del Gambero Rosso ha premiato anche altri locali e ristoratori:

  • premio «Novità dell’anno» Casa Rapisarda di Alessandro Rapisarda a Numana (Ancona)
  • «Ristoratore dell’anno» Nuccia De Angelis di D.one Ristorante Diffuso a Roseto degli Abruzzi (Teramo)
  • Miglior comunicazione digitale: Moreno Cedroni de La Madonnina del Pescatore a Senigallia (Amcona)
  • Miglior servizio di sala: Il Faro di Capo d’Orso di Maiori (Salerno)
  • Miglior servizio di sala in albergo: Georgès del Grand Hotel Parker’s a Napoli.

Foto: Pagina Facebook ristorante La Madia