La polizia ha scoperto a Palermo due pericolose organizzazioni criminali: le indagini hanno portato a undici fermi. Le persone coinvolte mutilavano braccia e gambe delle vittime, che erano consenzienti nonostante finissero a volte sulla sedia a rotelle, sostenendo che quelle lesioni fossero conseguenze di incidenti stradali. Il tutto era mirato a truffare le assicurazioni.

Le forze dell'ordine hanno accertato che i membri delle organizzazioni utilizzavano metodi particolarmente violenti e dolorosi per mutilare le vittime: in alcuni casi scagliavano su di loro pesanti dischi di ghisa, come quelli utilizzati per il sollevamento pesi nelle palestre.

Le menomazioni erano talmente gravi da costringere le vittime in sedia a rotelle o all'utilizzo delle stampelle per lunghi periodi. L'inchiesta è partito dalle indagini di un presunto sinistro: un uomo nel 2017 è stato trovato morto su una strada della periferia di Palermo e la morte sembrava provocata da un incidente. In realtà, l'uomo era morto per le fratture procurate dalla banda.