Sospesa in Francia la vendita di un integratore di vitamina D in seguito alla morte di un neonato di appena 10 giorni cui veniva somministrato. Il drammatico decesso risale allo scorso 21 dicembre: al piccolo veniva dato Uvesterol D, prescritto in caso di deficit di vitamina D nei bimbi.

L'integratore in questione è molto usato in Francia e non erano mai stati segnalati casi gravi. C'erano in passato stati alcuni problemi e nel 2006 era scattato un monitoraggio: l'agenzia Ansm, che vigila sulla sicurezza dei farmaci, aveva già lanciato un primo avvertimento in merito ai rischi di una scorretta somministrazione dopo casi di malori, riscontrati tra prematuri e neonati sotto il mese di età.