Dal matrimonio alle liti premature: le nozze tra Noemi Letizia, la celebre "papi girl" di Silvio Berlusconi, e il rampante Vittorio Romano, imprenditore napoletano con possibile futuro in Forza Italia, sarebbero ai titoli di coda dopo appena tre mesi. Quello del 23 giugno in Costiera amalfitana fu un evento in grande stile, ma sabato 23 settembre è arrivata la polizia nell’abitazione dei due coniugi nel quartiere vip di Mergellina a Napoli.

Come racconta "Repubblica", è stata furente la lite che ha spinto alcuni amici a chiamare le forze dell’ordine. Tutto è scoppiato poco dopo le 21.30 durante l’ennesima cena tra amici organizzata, all’insaputa di Vittorio, da Noemi. L’uomo è piombato in casa e si è scatenata la lite. Con toni molto più che accesi, tant’è che secondo la ricostruzione di alcuni testimoni Noemi sarebbe addirittura svenuta.

Le cose sarebbero cominciate ad andare male pochi giorni dopo il matrimonio. Giusto il tempo di concludere viaggio di nozze e puntate estive prima a Capri e poi a Cortina d’Ampezzo, dove la famiglia di Vittorio ha delle residenze. I problemi non sarebbero nati solo all’interno della coppia, ma anche nella famiglia dello sposo. I coniugi Romano – Valerio, noto costruttore ed ex campione di vela e canottaggio, e Vicky de Dalmases, aristocratica napoletana di discendenza spagnola – non avevano visto di buon occhio l’unione del figlio con Noemi Letizia. Ma la partecipazione di Berlusconi al battesimo dei nipoti e la possibile candidatura di Vittorio con Forza Italia avevano rasserenato gli animi. Fino a sabato…