È in corso un'operazione della polizia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, per l'esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di altrettanti elementi di vertice della 'Ndrangheta e di Cosa Nostra. Entrambi sono ritenuti tra i mandanti dei tre attentati compiuti contro i Carabinieri di Reggio Calabria nel 1994: si tratta del  capo mandamento del rione Brancaccio di Palermo Giuseppe Graviano, fedelissimo di Totò Riina, e Rocco Santo Filippone, legato alla potente cosca di 'ndrangheta dei Piromalli di Gioia Tauro.

Giuseppe Graviano, capo mandamento di Brancaccio, è attualmente detenuto in regime di carcere duro. Nel primo degli attentati, avvenuto il 18 gennaio 1994, morirono gli appuntati Antonino Fava e Giuseppe Garofalo; nel secondo, l'1 febbraio '94, furono feriti l'appuntato Bartolomeo Musicò ed il brigadiere Salvatore Serra mentre il 1 dicembre 1994 rimasero illesi il carabiniere Vincenzo Pasqua e l'appuntato Silvio Ricciardo.