Aggiornamenti sull'omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza: è stata trovata una cartella nascosta nel computer di Giosuè Ruotolo, che si trova attualmente in carcere con l'accusa di aver ucciso la coppia. A riportare la notizia è il Messaggero Veneto, che segue da 14 mesi il caso dei fidanzati uccisi in auto davanti al palazzetto dello sport di Pordenone nel marzo del 2015: Teresa Costanza era originaria della Sicilia.

Nelle foto si vedono il presunto killer e il commilitone trascorrere serate nei locali in pose virili: i due sembrerebbero davvero buoni amici. In una delle foto, trovata in una cartella chiamata "Z nascosta", Trifone tiene la mano destra sulla spalla di Giosuè. Le immagini sono state mandate in onda dalla trasmissione "Quarto Grado". 

Ecco cosa si legge su Today.it:

Anche in questo caso sguardi “da macho” e posa virile per entrambi. E ancora una volta l’impressione che emerge è quella di due persone amiche, due ragazzi che dopo un allenamento in palestra mostrano il loro fisico.

Ma non è tutto. Sempre nel corso delle analisi dei supporti informatici di Ruotolo, sono state trovate foto di Giosuè e la fidanzata Rosaria Patrone, al parco del San Valentino, nel cui laghetto è stata ritrovata la pistola con cui sono stati uccisi Teresa e Trifone.

Ruotolo aveva detto agli inquirenti di non conoscere bene il parco. Il fatto che ci siano delle foto che lo ritraggono in quella location attesta il contrario?