Il 55enne Marco Sebastiano Aiello, operaio della Sic di Cesena, è morto dopo essere caduto nel vuoto da un lucernario mentre svolgeva un lavoro presso lo stabilimento della L-Foundry di Avezzano, in provincia di L'Aquila. L’azienda  è la più grande fabbrica della provincia che si occupa della produzione di semiconduttori. L'uomo era nato e cresciuto a Siracusa. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Aiello sarebbe precipitato da un'altezza di circa 10 metri ed è stato trasportato d'urgenza in elisoccorso all'ospedale dell'Aquila, dove è deceduto intorno alle 22.

L'ufficio sicurezza e prevenzione della Asl sta effettuando ulteriori accertamenti. In mattinata anche la procura  ha disposto l'autopsia sul corpo della vittima. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti anche gli agenti di polizia del commissariato di Avezzano. La Fiom Cgil, che ha proclamato una giornata di sciopero, in una nota dichiara:

"Ancora una volta siamo qui a piangere per una vita che si è spenta, lasciando una famiglia nella disperazione e colleghi di lavoro nello sgomento. Una mattanza che deve essere fermata, impedendo alle persone di lavorare con il rischio quotidiano di non tornare a casa. Come al solito la dinamica dell'incidente è tutta da accertare e abbiamo fiducia nel lavoro degli inquirenti, affermando sin d'ora che se dovessero emergere delle responsabilità la Fiom si costituirà parte civile nel procedimento penale".