Il passaggio dall'ora solare a quella legale può portare con sé una serie di conseguenze negative per il nostro benessere, prima tra tutte l'insonnia. Il consiglio di Coldiretti per contrastare i problemi di sonno passa attraverso la tavola: «Un italiano su cinque ha difficoltà a dormire. E il cambiamento dell’orologio incide sulla qualità del sonno con il rischio di ansia, nervosismo, malumore, mal di testa e tensione muscolare. È quindi importante favorire in ogni modo un corretto riposo con l'alimentazione che – sottolinea – gioca un ruolo strategico: ci si addormenta difficilmente a digiuno o comunque non sazi, ma anche nei casi di eccessi alimentari, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti».

Coldiretti ha stilato una lista che include non soltanto gli alimenti che conciliano il buon sonno, ma anche quelli che sono nemici di un sano riporo. Meglio non eccedere con cioccolato, cacao, tè, caffè e superalcolici. A cena bisogna evitare cibi troppo salati e speziati, così come quelli preparati con dado da cucina. 

Via libera, invece a pasta, riso, orzo, pane e a tutti gli alimenti che contengono il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina. Vanno bene anche legumi, uova bollite, carne, pesce e formaggi freschi. La serotonina aumenta anche con il consumo di alimenti con zuccheri semplici, come la frutta dolce di stagione. Per quanto riguarda le verdure, al primo posto c'è la lattuga, seguita da radicchio rosso, aglio, zucca, rape e cavoli.

Proprio prima di andare a letto, un bicchiere di latte caldo diminuisce l'acidità gastrica e fa entrare in circolo elementi che favoriscono un buon sonno. Va benissimo anche la tradizionale camomilla, che tuttavia non va lasciata in infusione per più di due minuti.