Roberto Gianfalla, originario di Palermo è stato linciato ieri in Madagascar da una folla inferocita che lo accusava di essere responsabile, insieme ad altre due persone, di traffico d’organi.

[Continua la lettura dell’articolo]