PALERMO – Un uomo di 72 anni era ai domiciliari con l'accusa di tentato omicidio. Dopo una lite, nei giorni scorsi aveva sparato con un fucile all'ex moglie, ferendola a una gamba. Adesso l'uomo si è suicidato buttandosi dal tetto di casa sua in provincia di Palermo.

In una lettera ha lasciato scritto che si sarebbe tolto la vita per i contini dissidi in famiglia. Quando è stato arrestato dai carabinieri ha confessato di aver volutamente sparato alla ex in preda a un raptus. La vittima, trasportata dall'ambulanza del 118 nel pronto soccorso del Policlinico di Palermo, è stata ricoverata nel reparto di chirurgia plastica.