(immagine di repertorio)

Sequestrati oltre 40 quintali di carne a Palermo, nel mercato storico di Ballarò, conservata all'interno di un deposito sprovvisto dei requisiti igienico-sanitari previsti dalla legge. I militari della Guardia di Finanza hanno scoperto un vero e proprio macello clandestino, dopo aver fermato un uomo che trasportava sul suo scooter un grosso pezzo di carne di vitello.

All'interno del magazzino è stata rinvenuta carne ammassata e priva di qualsiasi etichetta o documentazione sanitaria, insieme ad attrezzature sporche utilizzate per la macellazione, inchiostri impiegati per la marchiatura ed intere confezioni di prodotti tipici palermitani. Le stigghiole e i mangia e bevi erano ammassati in congelatori, pronti per essere commercializzati al di fuori dei canali ufficiali di distribuzione.

Le forze dell'ordine hanno provveduto al sequestro preventivo dell'intera struttura e alla distruzione della merce; scattata inoltre la denuncia per i due responsabili della detenzione di prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione. L'intervento ha scongiurato il pericolo che gli alimenti di provenienza finissero sulle tavole dei palermitani.