PALERMO – Un uomo ha chiamato la polizia per far arrestare il figlio 33enne, reo di picchiare la moglie. È accaduto ieri in via Castellana, nel cuore di Palermo. Una volta arrivati sul posto, gli agenti hanno trovato un uomo in strada che con ampi gesti stava tentando di attirare la loro attenzione: suo figlio aveva aggredito la consorte al culmine di un litigio.

In casa i poliziotti hanno trovato il 33enne, che dopo aver minacciato il padre ha tentato di aggredirlo. Solo dopo l’intervento di un’altra volante è stato possibile riportare la calma. Come segnala "Palermo Today", la questura ha spiegato: "I poliziotti hanno appreso che la donna aveva trovato rifugio nell'appartamento del suocero dopo l’ennesima aggressione subita da parte del marito. La vittima, in lacrime, visibilmente agitata e con una tumefazione all’altezza della fronte, ha riferito ai poliziotti di essere stata aggredita dal marito davanti ai propri figli per futili motivi. Quindi ha raccontato di una vita fatta di vessazioni, maltrattamenti, umiliazioni e aggressioni sia fisiche che morali".

La donna ha dichiarato di non avere mai denunciato il marito finora per amore dei figli. I sanitari del 118 hanno trasportato la vittima in ospedale per tutte le cure del caso, mentre il 33enne palermitano è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.