Momenti di panico a Catania, dove un pick-up ha percorso a tutta velocità le affollate strade del centro, facendo pensare a un attacco terroristico. L'ipotesi, per fortuna, è poi stata smentita, perché è emerso che alla guida c'era un 34enne sotto effetto di alcool e droga

Un dirigente della polizia libero dal servizio è saltato sul cassone e ha intimato all'autista di fermarsi, ma la reazione è stata ancora più preoccupante. Il conducente, infatti, ha iniziato a procedere a zig zag tra le auto, mettendo a repentaglio l'incolumità dei cittadini che si trovavano nel centro storico.

Alla fine, il traffico lo ha costretto a bloccare la sua marcia. A quel punto, il 34enne è sceso dal mezzo e ha avuto una collutazione con il poliziotto, facendolo cadere a terra, quindi ha ripreso la fuga a bordo del pick up. Sebbene ferito, il militare si è alzato e ha esploso due colpi di pistola contro una ruota.

Sul posto solo arrivate le pattuglie delle Volanti della Questura, che hanno arrestato l'automobilista, che ha proferito frasi senza senso, invocando l'intervento del diavolo. Nel veicolo sono stati trovati sette coltelli diversi con lame di diversa lunghezza e un paio di forbici da giardinaggio. Il 34enne è stato condotto in carcere per porto di armi e oggetti atti a offendere e guida sotto l'effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti.