A vario titolo vi abbiamo parlato di Tenerife, Portogallo e Thailandia in seno alla categoria "paradiso dei pensionati". Circa 67 mila persone, tra italiani e stranieri, si sono trasferite in Canada dopo aver ottenuto i requisiti necessari. Non che Toronto, Vancouver, Calgary e Montreal siano particolarmente economiche, ma c'è un motivo molto particolare.

Come sottolinea "Libero", infatti, tutti gli abitanti del Canada hanno un accesso "ragionevole" alle cure mediche. Invece di avere un unico piano nazionale, il programma di assistenza sanitaria del Canada è costituito da piani di assicurazione sanitaria provinciali e territoriali che condividono alcune caratteristiche comuni e standard. 

Il costo della vita, dicevamo, non è certo dei più bassi ed è paragonabile a quello di una grande città italiana. I prezzi delle case, ad esempio, sono molto elevati. A Toronto ci vogliono 1.000 dollari canadesi (circa 670 euro) per un appartamento di due stanze, cifra che sale di un buon 50% a Montreal o a Vancouver. 

E gli svaghi? A Toronto una pizza più birra costa tra i 10 e i 15 dollari canadesi, una cena al ristorante arriva ai 75 dollari. Un litro di latte costa 1,3 dollari, la benzina costa 1,25 al litro. Un biglietto del metro o del bus oscilla tra i 2,5 e 3 dollari.