Patrizia Monterosso non ce la fa a salvarsi. Come si legge su Repubblica, infatti, la Corte dei conti ha condannato l'ex segretaria generale della Regione Siciliana per la vicenda dei fondi extra budget erogati agli enti della Formazione. La sentenza è definitiva perché Patrizia Monterosso era stata già condannata in primo grado. In altre parole, dovrà mettere mani al portafogli e risarcire 1,2 milioni di euro alla Regione.

I magistrati contabili hanno dichiarato inammissibile l'appello proposto dalla principale collaboratrice, dentro l'amministrazione, di Rosario Crocetta. E poi hanno rigettato integralmente quelli del deputato regionale Santi Formica, dell'ex assessore Luigi Gentile, del'ex dirigente generale Alessandra Russo e dei burocrati Maria Carmela Di Bartolo e Nino Emanuele. Per tutti, dunque, confermata la sentenza di primo grado. Accolto invece il ricorso di Raffaele Lombardo e del dirigente Salvatore Di Francesca che vengono assolti.