01Piano Battaglia è una frazione della cittadina di Petralia Sottana. Sita nel Parco delle Madonie, in provincia di Palermo, è particolarmente amata e conosciuta come località di villeggiatura invernale.

Piano Battaglia è dunque una dolina carsica collocata nel cuore del complesso montuoso di Pizzo Carbonara, che rende il luogo particolarmente adatto alla formazione di grotte e cavità; come la nota “Abisso del Vento”, sita presso il comune di Isnello, una gola piuttosto profonda e ancora in gran parte inesplorata, ricca di stalattitti e stalagmiti.
L’area, frequentata ormai soprattutto e quasi esclusivamente dagli amanti del trekking, è dunque attrezzata con diverse strutture quali ristori, baite e rifugi in cui è possibile gustare i piatti tipici del territorio.
Il primo edificio ad essere creato, negli anni Cinquanta, è il Rifugio “Giuliano Marini”; sito a 1.620 metri sul livello del mare, accanto agli ex impianti di risalita; è di proprietà del Club Alpino Italiano ed è un albergo che consta di 61 posti letto. Dopo la sua re-inaugurazione, nel dicembre del 2012, oggi ospita anche un ristorante e un bar.

Attorno al rifugio, nacquero così, tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento, molti villini e baite che hanno reso Piano Battaglia uno dei rifugi invernali e luogo di villeggiatura preferito dai madoniti e dai palermitani, che durante i mesi invernali affollano la valle.
Tra gli anni Sessanta e Settanta, vennero costruiti, sul massiccio della Mufara, l’impianto a fune e i due skilift, che trasformarono Piano Battaglia nell’unico impianto sciistico della Sicilia Occidentale. Fu così che nel decennio successivo, gli impianti di risalita e le diverse piste di Piano Battaglia, divennero teatro di diverse competizioni, sia a livello regionale (come i Campionati Regionali di sci da discesa, o la combinata Ski-Surf) che nazionale; importante a questo proposito, è la scuola di Polizzi Generosa, noto vivaio della Nazionale di sci di fondo. Gli impianti sono rimasti in funzione fino al 2005 e da allora si attende il rilancio dell’area. Nel 2013, la Provincia di Palermo ha lanciato un bando di gara per la realizzazione dei nuovi impianti di seggiovia e skilift; attualmente il pianoro viene preso d’assalto dagli amanti del trekking e dagli appassionati speleologi. Rinomata è infatti la splendida faggeta, che viene spesso presa come punto di riferimento per lunghe camminate ed escursioni sulle Alte Madonie.

Quale parte del circuito degli European Geopark, Piano Battaglia è sede di un sentiero geologico ricco di antiche formazioni coralline fossili che risalgono all’Era del Mesozoico. Il noto percorso, raggiunge la valle gemella della Battaglietta, dove si trova un profondo inghiottitoio, ovvero un’area della superficie carsica, in cui l’acqua sprofonda nel sottosuolo. L’area naturale protetta, nata a scopo didattico e di salvaguardia, è stata istituita con il supporto dei fondi europei; in Italia, oltre al Parco delle Madonie, ne fanno parte anche il Parco Naturale Adamello-Brenta, la Rocca di Cerere, sita in provincia di Enna, e il Parco naturale regionale del Beigua, in Liguria, sito tra le provincie di Genova e Savona.

Autore | Enrica Bartalotta

Foto da www.pianobattaglia.it