ImmagineNella società maschilista dell’ottocento la donna era quasi sempre relegata ad un ruolo di subalternità. Eccone una riprova in questa  piccola serie di consigli tratti dal

                       “MEMORIALE PER LE DONNE MARITATE”:”:

“ LA DONNA DOVRA’ ESSER PRUDENTE QUANDO VEDRA’ IL MARITO IN COLLERA, CEDENDOGLI UMILMENTE SENZA RISPONDERGLI AD OGNI PAROLA….; ABBIA ESSA DEL MARITO TIMORE NE OSSERVI E MANTENGA RIVERENZA E RISPETTO GRANDE, –  RICORDANDOSI CHE ELLA DIPENDE DAL MARITO E NON IL MARITO DA LEI.” 

Ma questo ruolo era  ben  evidente anche  nei  numerosi  proverbi  che,  nati  in quel periodo,  la vedono in qualche maniera “protagonista”.  Eccone a tal proposito 10 tra i più conosciuti.

 

Cu scecchi caccia e fimmini criri, lustru di paradisu nu nni viri.

Fimmina senza amuri è ciuri senza oduri.

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.

Fumu di sicarru e fimmina buttana, caccinu l’omu di la tana.

I fimmini quacchi vota dicinu u veru, ma nun lu dicinu interu.

Fimmini di tilaru e fimmini di puddaru fannu riccu lu massaru.

Li fimmini sunnu santi ‘ntà la chesa e diavuli ‘ntà la casa.

Cu pi li fimmini avi primura, agghiorna patruni e servu scura.

Fimminedda ca movi l’anca, si unn’è buttana picca ci manca.

I fimmini su comu e muluna, ogni centu n’arrinesci una.