Viveva nella periferia di Partinico e aveva una vera e propria piantagione di marijuana in una delle stanze del suo appartamento. Sono scattate le manette per Salvatore Caruso, 46 anni, con le accuse di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica. L'uomo è stato colto in flagranza di reato, durante un servizio mirato degli agenti, che hanno trovato nella sua casa la piantagione, alimentata grazie a un allaccio abusivo della rete elettrica. 

Le pareti della stanza erano state tappezzate con carta di alluminio, in modo da ottimizzare la temperatura in relazione alla tipologia di piante. Secondo una prima stima, la marijuana avrebbe fruttato circa 60.000 euro.  "All’interno di una delle camere – spiegano dalla Questura – 100 piante di marijuana in vaso per un totale di circa 10 chili di sostanza stupefacente”.