Calabria_Sicilia1Nei giorni scorsi Calabria e Sicilia sono state investite da “bombe” d’acqua con piogge eccezionali su gran parte del territorio: il record spetta a Petilia Policastro, comune della Sila orientale in provincia di Crotone dove a 450 metri di altitudine sul livello del mare sono caduti oltre 610mm di pioggia in meno di tre giorni effettivi, da venerdì pomeriggio a ieri mattina. Accumuli straordinari anche sulle Serre e in Aspromonte, con picchi di oltre 400mm, mentre in Sicilia sul versante orientale dell’Etna e dei Peloritani si sono superati i 300mm, con accumuli diffusamente sui 150mm in tutte le zone centro/orientali dell’isola. Queste grandi piogge hanno ingrossato tutti i corsi d’acqua, anche perchè le temperature sono state miti e ha piovuto anche in alta montagna, sciogliendo la neve presente al suolo. I corsi d’acqua delle due Regioni hanno quindi sfogato in mare tutta la loro piena composta d’acqua, fango e detriti: stamattina le immagini dei satelliti NASA mostrano proprio lo “sfogo” in mare dei fiumi intorno al territorio delle due Regioni, in modo particolare nelle zone joniche e meridionali.

Peppe Caridi