pioggia-300x168A piccoli passi verso l’inverno, quello vero, fatto di freddo e neve fino a bassa quota, che potrebbe arrivare sull’Italia nella terza decade di gennaio mentre già nei prossimi giorni avremo tanto maltempo in tutto il Paese, anche forte in molte Regioni, con nevicate copiose sui rilievi.
Il primo peggioramento sarà il più debole e inizierà nel pomeriggio/sera di domani, lunedì 13 gennaio, al nord/ovest, per concludersi con gli ultimi fenomeni al sud nella mattinata di mercoledì 15. Non mancheranno forti piogge nella giornata di martedì 14, quella di maltempo più intenso e diffuso, in tutt’Italia, mentre la neve cadrà oltre i 700 metri sulle Alpi, oltre i 1.300 metri sull’Appennino centrale e oltre i 1.600 metri in quello meridionale.
Il secondo peggioramento arriverà dopo una breve tregua, ma sarà molto più intenso: una poderosa perturbazione nord Atlantica sfonderà nel Mediterraneo centrale da nord/ovest e sull’Italia già tra giovedì 16 e venerdì 17 le correnti si predisporranno dai quadranti meridionali con uno scirocco in intensificazione che provocherà un momentaneo aumento termico al sud, estesi annuvolamenti su tutto il Paese e le prime piogge al nord/ovest. Il grosso del maltempo, però, arriverà nel weekend trasabato 18 e domenica 19, con altre forti piogge soprattutto al centro/nord, seguite da un nuovo affondo nord Atlantico all’inizio della prossima settimana, con temperature in calo ovunque e almeno qualche giorno dal clima tipicamente invernale con neve a quote medio/basse e ancora maltempo, dopo il lungo periodo mite e anticiclonico che ha reso fin qui il bimestre dicembre-gennaio più primaverile che invernale.

Peppe Caridi