Volare in agosto da Palermo o Catania per raggiungere il nord Italia, con Alitalia, costa più che andare a Tokyo. A portare alla ribalta questa vicenda è l'associazione Codici, che ha presentato un esposto all'Enac e all'Antitrust in merito ai "prezzi alle stelle per i voli dalla Sicilia". Per un volo di 1 ora e 55 minuti in classe economy dalla Sicilia a Milano, ci vogliono non meno di 300 euro e spesso si superano i 500 euro. Secondo quanto dichiarato da Codici, la situazione è «Inaccettabile, poiché a farne le spese sono soprattutto i tanti utenti dell'Isola che sono costretti a raggiungere il capoluogo lombardo per motivi di lavoro o di salute».  La presa di posizione nasce da diverse segnalazioni di residenti siciliani, che devono fare i conti (è proprio il caso di dirlo) con queste tariffe. 

In una nota di Codici si legge che: Da una simulazione effettuata dall´associazione a titolo puramente esemplificativo su un noto motore di ricerca di viaggi, è emerso che un biglietto andata e ritorno per la capitale giapponese costa 544 euro a fronte dei 603 necessari per raggiungere invece Milano da Catania». Come dichiarato dal presidente Zammataro: «Vorremmo capire come sia possibile ciò e per questo stiamo predisponendo un esposto che inoltreremo all'Enac e all'autorità Antitrust, per chiedere di aprire un'indagine volta ad accertare e punire eventuali comportamenti scorretti a danno degli utenti del trasporto aereo». Pare che la situazione si verifichi soprattutto in coincidenza con le date di rientro dei vacanzieri o degli stessi siciliani, verso Milano in particolare.