La scena si svolge in un Pronto soccorso della città, alle dieci di una calda mattina. Arriva un’ambulanza. Dietro, quasi attaccata, un’automobile. Sulla barella s’intravede una signora molto anziana con ossigeno e flebo. I barellieri si fanno largo tra la gente seguiti da un signore e da una signora anche loro di età ragguardevole e da due ragazzi forse ventenni e da una ragazza. Sono i parenti della signora anziana scesi dall’auto che seguiva l’ambulanza.

[Continua la lettura dell’articolo]