Nel 2017 ha registrato un aumento del 40% dei visitatori passando da 29.874 del 2016 a 41.535.

 
Il Premio ICOM Italia “Museo dell’anno” al Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino è stato un premio per l'intera città di Palermo, che nell’assurgere al ruolo di Capitale della Cultura 2018, può far tesoro della conoscenza, dinamicità, know how del Museo, da sempre impegnato e capace di lanciare in primo piano il patrimonio culturale locale, sia a livello nazionale che internazionale.
Il 2017 è stato un anno denso, che ha visto il Museo Pasqualino impegnato su diversi fronti,   sottolinea il Direttore Rosario Perricone, che, numeri alla mano, fa il bilancio: <<Oltre 41mila visitatori hanno varcato la soglia del Museo per ammirare le collezioni e le 10 mostre temporanee, partecipare alle 55 iniziative di studio (seminari, conferenze, convegni) e agli oltre 250 spettacoli di opera dei pupi e teatro di figura e di immagine con compagnie provenienti da Sicilia, Italia, Tunisia, Spagna, Francia e Polonia con l’annuale Festival di Morgana e la prima Rassegna teatrale per bambini“Teatro al Museo”. E poi il “Circuito del Museo Pasqualino” che ha portato le attività fuori dalla sede del museo in teatri, piazze, aree archeologiche e istituti scolastici che anno fatto da teatro ai diversi eventi coinvolgendo 26 comuni siciliani in 6 diverse province, mentre 13 sono state le partecipazioni a festival e rassegne in tutta Italia. Oltre all’intensa attività editoriale che ha portato alla realizzazione di 10 volumi pubblicati e disponibili su Amazon e 2 riviste semestrali e 2 annuali. Questo sforzo organizzativo ci ha premiati con una imponente partecipazione della comunità a tutte le attività organizzate. Eppure nulla di nuovo per noi: il Museo Pasqualino è Museo dell'anno ogni anno, per Palermo Capitale italiana della cultura e oltre>>.
 
Un lungo elenco di iniziative è già pronto per il 2018 che si è inaugurato il 19 gennaio alle Terme di Diocleziano di Roma, dove la Direzione Generale Musei del MIBACT ha istituzionalizzato il Sistema museale nazionale con il Museo Antonio Pasqualino invitato a raccontare le proprie attività.
Doppio appuntamento culturale per i mesi di febbraio e marzo: dopo l’incontro “Dai beni culturali al patrimonio” (10 febbraio) in cui è intervenuto Pietro Clemente, Presidente onorario di SIMBDEA, si prosegue con la conferenza internazionale “Intangibile Cultural Heritage Museum and Partecipation” nell'ambito del progetto europeo IMP (27 febbraio ore 9.00) alla quale parteciperanno 40 istituzioni culturali provenienti da tutta Europa per discutere di Patrimonio immateriale e musei.
Il 18-19 marzo si svolgerà il convegno internazionale “Cultura visuale in Italia” con le lezioni magistrali di William J.T.Mitchell (uno dei padri fondatori della visual culture americana, insegna Storia dell’Arte presso l’Università di Chicago) e Carlo Severi (directeur d'études presso l'École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, membro del Laboratoire d'anthropologie sociale del Collège de France (il LAS fu fondato nel 1960 da Claude Lévi-Strauss) dal 1985, e membro del Dipartimento di ricerca al Musée du Quai Branly di Parigi). Al convegno, organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, Dottorato di ricerca internazionale in Studi Culturali Europei/Europäische Kulturstudien coordinato da Michele Cometa, parteciperanno oltre 50 studiosi provenienti da tutto il mondo.
Dal 15 marzo al 31 maggio si svolgerà presso il Museo il SoleLuna Art in Doc, ciclo di documentari organizzato dal SoleLuna Doc Festival al Museo Pasqualino.
 
Le attività culturali proseguiranno con i seminari permanenti (giunti alla quarta edizione) “Etnografie del contemporaneo” diretto da Rosario Perricone (maggio), “Arte e Antropologia” diretto da Caterina Pasqualino (giugno), “Antropologia&Musica” diretto da Sergio Bonanzinga (marzo_maggio) e la settima edizione di Scritture Migranti diretto da Salvatore Santangelo e organizzati in collaborazione con l’Università degli studi di Palermo, il CNRS di Parigi e la Fondazione Ignazio Buttitta. Inoltre il convegno “Prima e dopo il riso di Demetra. Rappresentazioni e narrazioni del sacro femminile”, in memoria dello storico delle religioni Giuseppe Martorana, organizzato dalla Fondazione Ignazio Buttitta (25-26 ottobre) e il seminario internazionale di studi semiotici “Politiche del gusto”organizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana di Studi Semiotici e il Circolo semiologico siciliano diretto da Gianfranco Marrone (30 novembre-1 dicembre).
Ad arricchire il programma l'imponente mostra I Cavalieri della memoria, sull’opera dei pupi  siciliana in collaborazione con la Fondazione Terzo Pilastro (giugno); un’istallazione del noto artista africano Konaté Bomavésull'arte del Burkina-Faso (luglio) e poi le mostre “In Two Minds” di Kevin Atherton (settembre) “Helix” dell'artista americana Susan Kleinberg(ottobre) realizzate nell'ambito di due nuovi progetti artistici in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Palermo e la mostraPUPOROBOT (novembre) ideata e curata da Vincenzo Padiglione e Rosario Perricone.
Tra le nuove pubblicazioni del 2018 l’edizione di Rerum Palatinorum Fragmenta di Antonio Pasqualino, la Storia di Montalbano del semiologoGianfranco Marrone, Animalscape dell’antropologo Vincenzo Padiglione e la riedizione di due classici dell’antropologia contemporanea L’UNESCO e il campanile. Antropologia, politica e beni culturali in Sicilia di Berardino PalumboI morti e il grano. Tempi del lavoro e ritmi della festa di Ignazio E. Buttitta. Infine per i più piccoli la nuova collana “Piccirè” con due volumi di fiabe illustrate: Le avventure di Alice: un’americana a Palermo e La magica notte delle marionette di Maria Antonietta Spadaro.
 
Vario il programma delle attività teatrali: il ciclo di spettacoli settimanali dell’ Opera dei pupi (tutti i venerdì e sabato alle ore 17.00). Si prosegue con “Teatro al Museo”, rassegna di teatro di figura e di immagine per bambini e ragazzi, che ritorna il 18 marzo alle ore 17.30 con “Angelica e le Comete” della Compagnia Brigliadoro e Alfonso Prota, per concludersi il 15 aprile alle ore 17.30 con “Il cavallo fatato” della Bottega dell’invisibile.
Tre nuove produzioni nel 2018: “Kelly Cetriolina” di Giovanni Lo Monaco con Aurora Quattrocchi e Ada Totaro (28 febbraio – 7 marzo presso il Teatro Montevergini) ;“Mammalliver” di Giovanni Lo Monaco con Marika Pugliatti e Luigi Rausa (17-20 maggio presso il Teatro Biondo) e il secondo capitolo di P3_Coordinate popolari, un ciclo di spettacoli in un progetto sperimentale multidisciplinare ideato da Giuseppe Provinzano e Petra Trombini, presso il Museo Pasqualino.
 
 
 
Info
tel. 091.328060
www.museodellemarionette.it